ciao. ho 21anni e

Il posto giusto per raccontare qualcosa di sè e presentarsi agli altri utenti.

ciao. ho 21anni e

Messaggioda perseo91 » 12/06/2012, 23:44

ciao a tutti. sono Perseo ho 21 anni. e da circa 8 mesi che ho saputo di essere siero positivo. fino ad oggi sia la viremia che i CD4 erano nella norma; anche se una febbre mi durava 20gg, continui mal di testa. eccc. tutti i miei dolori cadono nell'insignificanza alla luce del fatto che vivo con la costante paura di infettare qualcuno.
_stamattina vado in Hospital e vedo che i miei CD4 sono scesi fino a 310. la dott.ssa mi dice che devo iniziare la cura. devo prendere Atripla tutte le sere. proprio in questo periodo che devo fare 4 esami all'uni. (studio ingegneria civile, amo quello che studio). ho paura. ho paura. ho paura. :'( ogni volta che vedo mia madre. mi sembra che mi guardi come se fossi un morto. è la cosa piu brutta. nn riesco a vederla così. è una cosa che mi trafigge l'anima. nn credo di poterci riuscire. nn lo credo piu.
Ultima modifica di perseo91 il 20/12/2014, 17:05, modificato 1 volta in totale.
Non credo ai miracoli. Ne ho visti fin troppi.
Avatar utente
perseo91
Utente
Utente
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 12/06/2012, 23:37
Località: campania

Re: ciao. ho 21anni e

Messaggioda Ice82 » 13/06/2012, 8:01

Ciao e benvenuto!
Io mi rivedo in te e ti capisco bene, anche se i miei non lo sanno, ti ammiro per averne parlato con la tua famiglia, non è certo cosa facile!
Per quanto riguarda l'inizio della terapia ti assicuro che è un atto traumatico per tutti ma poi col.tempo diventerà semplice routine e sarai ben felice per gli effetti che avrà sulla viremia e sui cd4.
Per gli esami se ciò che studi ti piace vai avanti con grinta e vedrai che ce la farai tranquillamente, la terapia non sarà certo un ostacolo. Io sono riuscito a dare 2 esami subito dopo aver iniziato con le pillole.
Per tua madre penso che sia stato uno shock anche per lei: ricordati che spesso un famigliare sta peggio del paziente. Vedrai che quando ti riprenderai, sarai felice e condurrai una vita normalissima, lei sarà felice per te!
Spero che queste parole ti diano anche un minimo conforto, anche io all'inizio non riuscivo ad andare avanti ma sono bastati forza d'animo e le persone giuste per riuscire presto ad essere felice.

Quindi coraggio ;)
Ciao e a presto!
Ice82
Nuovo utente
Nuovo utente
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 12/06/2012, 13:29

Re: ciao. ho 21anni e

Messaggioda silvia » 13/06/2012, 8:17

Ciao Perseo,
leggere queste tue parole è stato come tornare indietro nel tempo...e di tempo ne è passato un bel pò dai miei 22 anni e dall'esito del mio test.
Hai paura, lo so, è normale, una paura enorme e un senso di vuoto intorno, paura letta nel viso degli altri, terrore di poter contagiare qualcuno....
Ma la realtà è meno brutta di come sembra, fidati, ci sono passata, ci convivo da 25 anni e la forza di vivere torna.
Devi solo avere pazienza e darti del tempo.
8 mesi non sono niente, è come se lo avessi scoperto ieri e lo devi ancora metabolizzare.
Poi c'è la terapia, il 'qualcosa' che puoi fare per te stesso, qualcosa di importante e vitale.
Ed infine gli esami all'università....sono tante cose tutte insieme ed è normale sentirsi ancor più destabilizzati.
Un passo alla volta, senza panico.
Atripla è una sola pastiglia e gli studi affermano che funziona, così come molte persone che la prendono.
Se dovesse darti fastidio potrai cambiarla. A volte capita, ma non è scontato.
Provala e vedi.
Se influisce sulla tua capacità di studiare o di concentrarti parlane col medico. Raccontagli le stesse cose che hai scritto qui, che gli esami sono importanti, che sono il tuo futuro.
Insieme troverete una soluzione.

Per qualsiasi cosa scrivi pure sul forum e forza!!
Alla prossima ;)
' il mio destino è non arrendermi' H.J.
Silvia
Avatar utente
silvia
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 03/11/2010, 18:05

Re: ciao. ho 21anni e

Messaggioda ada » 13/06/2012, 9:36

Ciao Perseo, benvenuto tra noi, che dire ti hanno già detto tutto. Posso solo sottolineare ciò che ha detto Silvia metabolizza e il tempo farà il resto, noi te lo possiamo assicurare visto che da 20 continuiamo a vivere, vedrai poi di dimenticherai di avere questa patologia, non considerarti un malato sei solo una persona che ha una patologia come c'è ne sono tante ma che può fare una vita normale.

Un abbraccio Ada
Avatar utente
ada
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 791
Iscritto il: 07/11/2010, 16:16

Re: ciao. ho 21anni e

Messaggioda perseo91 » 13/06/2012, 10:59

grazie Ice81. grazie silvia. grazie ada. ho letto i vostri commenti piu di una volta. forse perche nn ho mai avuto un confronto con altre persone come me. in effetti nn ne parlo mai. anche con mia madre, se per caso sono stanco ed ho un amicrania, fingo; le dico che sto bene. proprio per avitare. in effetti, persandoci, in tutti questi mesi. fin dalla scoperta, nn ho fatto altro che EVITARE la malattia. mi riempivo le giornate di impegni e cose da fare, tra universita e studio (mai da solo) fino alle 19. palestra fino alle 21. cena e amici fini alle 00. altro nn facevo che limitare il tempo a disposizione per evitare di PENSARE. nn ci volevo pensare.
il mio comportamento ritardava la consapevolezza del fatto che sono malato. raramente mi sono trovato da solo in lacrime.
ho deciso di nn dirlo a mio padre (e me ne vergogno). nn so forse un giorno avro il coraggio di affrontarlo. Mia madre è stata la prima a cui lo detto. mi è stata sempre vicino.preoccupandosi anche troppo per me. inoltre, l'ho detto subito anche al mio migliore amico, che appena lo seppe, in lacrime, mi abbraccio. nn lo dimenticherò mai. mi è sempre vicino. nn mi lascia mai solo. sarei crollato se lui nn mi fosse stato cosi vicino. Grazie. Grazie dal profondo del mio cuore.
:roll: nn faccio o provo a fare sesso da quando lo scoperto. tronco ogni minimo inizio di corteggiamento.
in questo momento ho qui, davanti a me, la scatola di atripla. vedo il prezzo. (e nn vado fiero di quello che sto pensando). la dott.ssa mi ha detto di iniziare in settimana. io ho deciso che inizierò tra 20 giorni. vorrei provare a dare qualche esame senza avere paura degli effetti collaterali. (tipo: incubi, insonnia, vertigini, emicranie e disfunzioni generiali). Non mi sono mai drogato. qualche volta bevo. fumo marlboro light. e parlerei per ore. forse un giorno scriverò qualcosa di me.
vi ringrazio ancora. siete delle persone buone. un abbraccio. Perseo.
Non credo ai miracoli. Ne ho visti fin troppi.
Avatar utente
perseo91
Utente
Utente
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 12/06/2012, 23:37
Località: campania

Re: ciao. ho 21anni e

Messaggioda ada » 13/06/2012, 11:30

Perseo sei dolcissimo. Non considerarti malato siamo dei pazienti con una patologia come tante, mia madre era diabetica è non la invidiavo per niente anzi mi ritenevo più fortunata di lei, mio padre è cardiopatico e a volte perdo più tempo dietro a lui che a me stessa. Cerca di vivere la tua vita nel modo più normale, non negarti niente e lasciati stupire dalla vita, a me ha sorpreso tanto mi ha regalato un bellissimo marito negativo una casa, non avrei scommesso un centesimo sul mio futuro ma quelli erano altri tempi, vent'anni fa non c'erano le terapia e il futuro era predestinato. Ora anch'io nonostante tutti gli acciacchi che mi ha lasciato il periodo nero vedo le cose in maniera diversa e sono sicuai che per le persone che come te incontrano il virus le cose saranno diverse dalle mie, le paure si possono mettere in cantina.

Buona vita Ada
Avatar utente
ada
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 791
Iscritto il: 07/11/2010, 16:16

Re: ciao. ho 21anni e

Messaggioda Ice82 » 13/06/2012, 17:04

Ciao Perseo,
anch'io come Silvia, leggendoti torno indietro nel tempo, come vedi è una fase uguale per tutti. Io più che di malattia parlerei di stato, il virus vuole moltiplicarsi a nostre spese e noi non dobbiamo far altro che impedire tutto ciò, e questo si fa attraverso la terapia e cercando di stare su con il morale, insomma vivendo normalmente e mangiando delle pilloline che come ti ho già detto dopo qualche mese diventeranno un'abitudine come fare colazione al mattino.
Sei fortunato ad avere tua madre vicino e capisco che tu non voglia farla star male, e sei fortunato (come me) ad avere il tuo migliore amico, col quale puoi parlare e sfogarti.
Come ti hanno già detto, solo il tempo può aiutarti, e vedrai che anche i rapporti "sentimentali" andranno bene.

Per quanto riguarda il farmaco, non aspettare troppo. Certo tranquillizzati, ma sai bene che dovrai iniziare. E non fossilizzarti su ciò che riporta il bugiardino, altrimenti non ne esci più e gli effetti collaterali verranno più per l'ipocondria che per il farmaco stesso. Sii sereno, e sappi che di terapie ce ne sono tante nel caso potesse darti fastidio. Personalmente ho iniziato con Truvada (i cui componenti ci sono anche in Atripla) e Kaletra, ho avuto solo lievissimo fastidio gastrointestinale la prima settimana, ma nulla che abbia impedito le mie normali attività. Vai tranquillo e vivi bene la tua vita!

Un abbraccio a te!
Ice82
Nuovo utente
Nuovo utente
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 12/06/2012, 13:29

Re: ciao. ho 21anni e

Messaggioda Lynx » 25/06/2012, 18:27

Ciao Perseo.
Sei di poco più piccolo di me, e hai l'età che avevo io quando ho scoperto di avere l'HIV.
Inoltre abbiamo altre cose in comune, perché anch'io l'ho detto a mia madre e non a mio padre; anch'io quando dovevo iniziare la terapia avevo molto da fare per lavoro, e infatti ho aspettato un giorno propizio. E' chiaro che ti dice male (come disse male a me) che dovresti iniziarla in un momento di particolare stress, perché nel caso c dovessero essere effetti collaterali fastidiosi, decisamente non è il momento migliore! Io ho ritardato di 2 settimane rispetto alla visita con il medico (che cmq mi aveva detto di cominciare quando preferivo): quando ho cominciato ero ancora in un periodo intenso, ma ho scelto dei giorni in cui sapevo che se avessi avuto problemi me ne sarei potuto stare a casa a riposo. Bè mi è andata benissimo, non ho avuto praticamente nulla, mi ha solo girato un po' la testa dopo averlo preso, per i primi 3-4 giorni. Ma uno se lo prende prima di dormire e tanti saluti agli effetti collaterali. Ho iniziato con Sustiva e Truvada. Un mese fa ho cambiato con Atripla, e anche meglio, sto benone. I CD4 sono arrivati a 700 e la carica virale non è rilevabile. E ho continuato a lavorare senza problemi.
Ora, se il tuo medico t ha detto di cominciare in settimana, faresti bene a telefonargli e chiedergli cosa ne pensa se cominciassi fra 20 giorni, per via degli esami, per due motivi: uno, potrebbe dirti che i tuoi CD4 ultimamente sono scesi troppo velocemente e che non è il caso di aspettare oltre; due, potrebbe dirti "se ti provoca stress cominciare adesso la terapia in periodo d'esami, cominciala quando li hai finiti", e tu staresti decisamente meglio, perché non ti sentiresti in colpa per aver preso una decisione contro il consiglio del tuo medico e potenzialmente dannosa per la tua salute.
Nel caso "uno" faresti bene a starlo a sentire però. Ammesso che ci dovessero essere effetti collaterali (e se leggi bene il bugiardino del farmaco, noterai che non sono poi così comuni), non è detto che siano così fastidiosi da impedirti di studiare bene, e se lo fossero potrebbero durare pochi giorni.
Ricorda sempre che di tutti questi dubbi puoi parlare col tuo medico, ci penserà lui a trovare la soluzione migliore per te, non sei mica il primo sieropositivo che è in cura da lui e che ha di questi problemi, no? :)

Penso che la cosa migliore per te sia cercare di sentirti meno in colpa. Tua madre è sicuramente preoccupata per te, dalle tempo per metabolizzare, così come devi farlo tu. Non vergognarti di lei, ma chiedile appoggio. Se non ti piace come ti guarda, diglielo, in maniera semplice. Hai bisogno di sentirti forte, in questo momento, non malato. E' bello che tu abbia un amico che ti è vicino, in questo momento.
A me sembri una persona con la testa sulle spalle, molto dolce e anche molto forte. Piangere fa bene, e non vuol dire non essere forti. Vuol dire ricevere ed accettare il dolore, per poterlo trasformare. Cerca di stare tranquillo, e vedrai che andrà bene, fidati! E poi anche il fatto di scoprirlo da giovani, sì, ti fa arrabbiare e deprimere, ma d'altra parte è buono, perché il sistema immunitario è più forte e reagisce meglio ai farmaci, permettendo un miglioramento della situazione dell'organismo nell'ambito di tutta la vita! Meglio di così! (Certo, potevi essere sieronegativo, ma insomma... io volevo fare l'astronauta!)

La situazione sentimentale è sicuramente la più complicata. Ma fai un passo alla volta. In questo momento è normale non riuscire a pensare al sesso (o all'amore). Vedrai che anche questa si risolve. Cerca prima di tutto di trovare una stabilità emotiva tua, per stare bene con te stesso. Potrebbe volerci un po' di tempo, e tu prenditelo, è giusto. Dopo penserai al resto ;)

Un abbraccio,
L.
Lynx
Utente
Utente
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 24/06/2012, 15:20

Re: ciao. ho 21anni e

Messaggioda perseo91 » 29/08/2012, 17:12

grazie a tutti per i consigli :)
ho iniziato la terapia da 1 mese e mezzo con Atripla. (consigliato di prenderla prima di andare a letto; cosa difficile nel periodo estivo)
superati gli esami con la lode mi sono trasferito con i miei nella casa sul mare, evitando di andare i vacanza con gli amici, preoccupato di nn farcela con festini e giovanili perdizioni. La prima settimana è stata abbastanza traumatica, nel senso che da quando prendevo la pillola, avevo un'autonomia di 1 ora, fino a quando incominciavano a farsi sentire gli effetti collaterali: mi sentivo una 55enne in menopausa :) vampate di calore all'improvviso, sbalzi di umore inaspettati, passavo dalle risate isteriche ai lamenti sconsolati. ma la cosa che piu mi preoccupava ero il continuo stato di incoscienza mentale, nel senso che nn riuscivo a dire quello che provavo, quasi fossi sotto effetto di stupefacenti; per nn parlare dei giramenti di testa (quasi come se mi fossi fatto a vodka liscia). Ma la cosa che mi rincuorava era il fatto che stavo in un posto fresco, accanto alla mia famiglia, sotto lo sguardo vigile di mia madre; infatti avendo parlato con lei di questi effetti, mi ha costretto a mettere 5-6kg in piu, nel senso che pesavo 59kgX170cm adesso ne peso quasi 65kg.
Dopo un po gli effetti sono spariti e oggi continuo la mia cura.
per quanto riguarda la mia vita sessuale, dopo circa 10 mesi sono riuscito ad avere un approccio, ;) ci sono andato con i guanti bianchi. ma credo che sia riuscito a superare quella sensazione di poter infettare tutti. Si!, era come se fossi marcio dentro, come se al primo contatto con qualcuno mi salisse l'ansia di mischiargli qualcosa.
Ci sono stati dei giorni che quasi ho dimenticato di essere positivo. :) altri invece, devastanti, in memoria dei tempi in cui facevo quello che volevo con chiunque avesse voglia di farlo. anche se poi questa cosa un po ti responsabilizza, come una punizione divina che altro nn fa che rimetterti sulla retta via. ed io che nn credevo in nulla.
Spero un giorno, nn troppo lontano, di conoscere qualcuno di persona per potermi confrontare realmente con questa nuova realtà che tanto mi limita.
Spero un giorno di trovare il coraggio di affrontare questa cosa con mio padre.
_ci si aggiorna. un abbraccio :geek: Perseo.
Ultima modifica di perseo91 il 20/12/2014, 17:11, modificato 1 volta in totale.
Non credo ai miracoli. Ne ho visti fin troppi.
Avatar utente
perseo91
Utente
Utente
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 12/06/2012, 23:37
Località: campania

Re: ciao. ho 21anni e

Messaggioda perseo91 » 29/08/2012, 17:28

_Cercavo un consiglio sincero da chi ha piu esperienza di me.
da quando ho iniziato la cura mi è stato (vivamente) sconsigliato di bere alchool e fumare stupefacenti.
cosa che non facevo spesso prima. ma sinceramente, quel bicchiere di non so che di forte, a volte, mi aiutava a non pensare.
In altri termini, quando mi sentivo depresso e in tensione, bevevo qualcosa giusto per cercare di non riflettere su cosa mi stesse succedendo. ecco. adesso quel bicchiere mi manca. Sinceramente chiedo consiglio da chi, più di me, convive con questo "mostro".
La mia non è una ricerca, giustificata, degli effetti dei super alcolici o dei stupefacenti. Cercate di capire e di non fraintendere.
baci _ :geek: Perseo
Ultima modifica di perseo91 il 20/12/2014, 17:13, modificato 1 volta in totale.
Non credo ai miracoli. Ne ho visti fin troppi.
Avatar utente
perseo91
Utente
Utente
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 12/06/2012, 23:37
Località: campania

Prossimo

Torna a Mi presento: conosciamoci meglio!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite