Estremamente terrorizzato

Archivio risposte della Dott.ssa Valentina Penta,psicologa presso i reparti di Psichiatria e di Psicologia dell' A.O. Cotugno di Napoli,ora Ospedale dei Colli, sulle problematiche psicologiche delle persone in attesa del risultato del test HIV.

Questo servizio non vuole e non può sostituirsi in alcun modo al contatto diretto con un operatore sanitario.
Il trattamento dei dati degli utenti osserva le disposizioni della legge sulla privacy.

Estremamente terrorizzato

Messaggioda galaxy » 10/10/2015, 16:01

Salve a tutti, in particolar modo ai dottori sempre disponibili e soprattutto pazienti. Sono un ragazzo di 29 anni e mi sono appena iscritto al forum dopo avergli dato un'occhiata per più giorni ed essermi fatto un'opinione più che positiva. Cercherò di spiegare al meglio le mie condizioni sia mentali che fisiche.
Ad oggi mi trovo in una situazione di completo blocco, mi sento terrorizzato e per questo motivo inerme. Dopo aver praticato un rapporto orale attivo con eiaculazione, lì per lì e nei mesi seguenti, non pensavo fosse un rapporto a rischio hiv. Rendendomene poi conto ho effettuato il 6 giugno di quest'anno un test hiv di terza generazione ignorando però la tipologia utilizzata, ma convinto che erano passati 6 mesi dal rapporto. Ne ho effettuato un altro (Eclia IV generazione) a inizio luglio. Dopo essermi tranquillizzato mi sopraggiunge di nuovo una forte ansia dovuta proprio al periodo del rapporto orale e da quel momento, fino ancora oggi, continuo a strizzare letteralmente il mio cervello per cercare di risalire almeno al mese "maledetto" ma niente, non riesco proprio a ricordare. Può essere da novembre 2014 fino a massimo metà marzo 2015, non oltre. Quindi, nella peggiore delle ipotesi, io avrei effettuato i test uno a poco più di due mesi e mezzo (quello di inizio giugno) e l'altro (quello di luglio) a 3 mesi e mezzo. Premetto che da allora, quotidianamente, sono alla ricerca sfrenata su internet di ogni informazione, su alcuni casi, ecc... e che hanno minato ancora di più le mie condizioni psicologiche. Tant'è che da metà agosto ho cominciato ad avvertire dei malesseri tipo sensazione di calore (3 giorni), lieve prurito diffuso (solo qualche giorno), lieve mal di gola (solo per qualche giorno e solo la sera), poi una tosse sempre secca che pare mi si sia fermata già una settimana fa causata da un lieve pizzicore alla gola, ho accusato anche un lieve prurito intorno alla zona anale e qualche macchietta pruriginosa in rilevo su mani e avambracci che appaiono e scompaiono nel giro di pochi minuti o ore. Tutti queste sintomatologie sono state sempre completamente ASSENTI DI NOTTE. Tutto questo mi sta facendo sprofondare in un'ansia terribile mai provata prima (io sono sempre stato un tipo estremamente ansioso) e ho paura che siano sintomi da sierconversione. Ho paura ad effettuare un altro test, so che non ce la farei a reggere un esito positivo, piango come un vigliacco e ho un esasperante senso di colpa verso la mia ragazza con cui sto da anni e che ho il terrore di aver condannato. NON HO NESSUNO CON CUI PARLARNE. Se grazie a Dio dovessi uscire "miracolato" da questa situazione sicuramente ne uscirei completamente cambiato in senso positivo ovviamente. Confido in un piccolo conforto psicologico e vi ringrazio per la pazienza e per l'aiuto. Chiedo scusa per essermi dilungato e chiedo scusa per la situazione confusionaria che ho appena descritto. Distinti saluti.
galaxy
Nuovo utente
Nuovo utente
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 10/10/2015, 15:31

Re: Estremamente terrorizzato

Messaggioda ada » 15/10/2015, 15:28

Il test di IV generazione da un affidabilità a 30 giorni quindi l'ultimo test che hai fatto di dà la certezza di essere negativo.

Leggere su internet tutto e di più non ti aiuta, i sintomi che descrivi possono essere svariate cose ma non quelli di una sieroconversione perchè se fosse così li avresti avuti pochi giorni dopo l'episodio e non a mesi di distanza. L'ansia fa brutti scherzi e ti fa vivere anche cose create dalla mente ma non reali, e magari i sintomi che senti sono generati da te perchè assimili tutte quelle notizie e le somatizzi.

Vivi tranquillo senza problemi.

ada
Avatar utente
ada
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 791
Iscritto il: 07/11/2010, 16:16

Re: Estremamente terrorizzato

Messaggioda galaxy » 16/10/2015, 11:05

Anch'io penso da un lato che sia ansia e che si tratti di suggestione però posso assicurare che questi problemi, piccoli o grandi che siano, che accuso non sono immaginari. Le uniche due cose che potrebbero tranquillizzarmi è che ho 2 test negativi fatti sicuramente a 3 mesi ed oltre e il fatto che i "sintomi" che ho descritto e cmq nessun altro non si sono mai rivelati durante le ore notturne, il che mi porta a pensare che sia questione di mente. Però i pensieri negativi sono sempre in agguato, amplificati dal fatto che non riesco a ricordarmi il periodo del rapporto a rischio e dal fatto che il medico curante (non certo sprovveduto, almeno in argomenti più "comuni" che non siano HIV) mi ha ribadito più volte che il periodo finestra è di 6 mesi, nonostante io gli abbia fatto presente del periodo finestra a 3 mesi e che addirittura ho telefonato all'ISS per avere conferme autorevoli...
Cmq Ada ti ringrazio enormemente per avermi risposto e cercato di tranquillizzarmi ;) ;) ;)
galaxy
Nuovo utente
Nuovo utente
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 10/10/2015, 15:31

Re: Estremamente terrorizzato

Messaggioda valentinapenta » 23/12/2015, 12:42

Caro Galaxy,
mi scuso della tardiva risposta.
Leggendo i suoi messaggi emerge in modo evidente la posizione ambivalente rispetto al piano di realtà: se da una parte la sua mente è pronta ad accettare l'idea della corretta diagnosi effettuata nel corretto periodo temporale, dall'altra parte risulta persistere la convinzione irrazionale di aver contratto l'infezione da HIV.
Le malattie sessualmente trasmissibili sono spesso associate a significati psicologici molto profondi relativi al tema dell'identità e della capacità di relazionarsi con l'altro. Le consiglio di indagare in modo più approfondito l'evento non solo in termini di comportamento a rischio ma rispetto al livello emotivo e psicologico connesso. Gli eventi hanno sempre una valenza simbolica che riguardano il nostro mondo interno. La paura del contagio potrebbe forse essere connessa al tema della colpa? Il comportamento sesssuale agito è stato effettuato in un contesto relazionale insolito che le genera conflitto sul piano etico? Cerchi di comprendere cos'è che la turba veramente.

Saluti
Dott. Valentina Penta
valentinapenta
Psicologo
Psicologo
 
Messaggi: 29
Iscritto il: 14/03/2012, 15:22


Torna a Problemi psicologici in attesa del test HIV

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite

cron