Nessuna interazione TDF-NVP e TDF-EFV

L’associazione tenofovir-nevirapina non comporta nessuna interazione e garantisce livelli adeguati dei farmaci analogamente all’associazione tenofovir-efavirenz.
E’ quanto dimostra lo studio di JA Droste e dei suoi collaboratori del Department of Clinical Pharmacy della Radboud University pubblicato su JAIDS (2006; 41: 37-43). Lo studio ha valutato, in soggetti volontari, 7 diversi tipi di regimi terapeutici:
1) nevirapina (200 mg) + tenofovir (300 mg);
2) nevirapina (400 mg) + tenofovir (300 mg);
3) nevirapina (600 mg) + tenofovir (300 mg);
4) nevirapina (200 mg);
5) nevirapina (400 mg);
6) nevirapina (600 mg);
7) efavirenz (600 mg)+ tenofovir (300 mg).

Lo studio ha evidenziato:

  • – nessuna differenza, tra i vari gruppi, nei livelli plasmatici di nevirapina, efavirenz, e tenofovir;
  • – nessuna influenza del tenofovir sui livelli plasmatici di nevirapina ed efavirenz;
  • – nessun effetto della nevirapina e dell’efavirenz sui livelli plasmatici di tenofovir.

Secondo gli autori dello studio, questi risultati dimostrano che la nevirapina e l’efavirenz possono essere somministrati in associazione al tenofovir senza necessità  di modificare la dose